.
Annunci online

quartadicopertina
mai fidarsi dei titoli (isabella tramontano)


Diario


31 agosto 2013

"Bang bang, I shot you down. Bang bang, you hit the ground/Now he's gone. I don't know why And till this day, sometimes I cry"

Può capitare di avere una nostalgia struggente. A molti, come è stato per me ieri sera, può essere per un passato generico, nessuna persona luogo cibo. Mi chiedo però se il "movente" - il mio - sia frequente.

Venti giorni fa, nel paese in cui sto, c'è stato lo scandaluccio politico: un assessore ha lanciato una busta dell'immondizia dalla propria auto in movimento. Clamore, giustificazioni dell'accusato, giornali, commenti, sdegno e varie ed eventuali. Io? Sdegnata, sì (provo un sentimento più che un'opinione per ogni cosa), ma poi niente di più.
Qualche giorno fa, poi, leggo sul Corriere della Sera di un docente dell'università di Siena, ex BR, gambizzatore, che chiede di essere cancellato non ricordo più da quale elenco. E' stato un mio professore, l'ho visto spesso, c'ho chiacchierato al bar, una volta abbiamo anche passeggiato assieme dissertando di economia. Anche qui ho provato qualcosa: ho ridisegnato il suo viso e ho cercato di ricordare tratti di ferocia (niente), gestualità nevrotiche (forse), complessità sospette ('mbè, sì). Avevo già capito qualcosa? mah.

Ora, sembrerà strano, ma ieri sera - pensando alle due situazioni/persone - mi sono sentita "misera". Mi sono chiesta, arrabbiata: che cazzo di fine ho fatto?, ho cercato consolazione dicendomi che è meglio un sacchetto di rifiuti "giavellottato" di una pistola puntata dritta alle rotule di un dirigente Dc, e non mi è servito a niente. Ho trovato più alta l'omertà che attorniava il mio docente della bagarre che ha attorniato l'assessoruncolo. Proprio la laconicità del professore ho trovato più elegante della spocchiosità buffa del politicante indigeno. Stanotte sono stata arrabbiata, nostalgica fino alle lacrime, per la prima volta ho "rimpianto".
Eppure uno è un criminale, l'altro un fesso. Chi è meglio?

Non lo so, anzi lo so bene: nella mia testa una forte motivazione, fianco la follia che fa fare gesti che - oddio! -, valgono di più di una bravata. Per me la politica è appassionata più che assisa, è azione più che oratoria; è un modo di essere più che di appar-ecchiare. La mia curiosità è per gente che ha "commesso" e non per commessi di se stessi (ma, poi, si serviranno a dovere?), per chi ha una risposta a un perché?, non per chi di motivi non ne ha affatto. Ho bisogno di quel vivere, le persone in questione sono un pretesto.

Sì, le mie orecchie preferiscono un "colpo" (bang) a un tonfo (puf)






permalink | inviato da quartadicopertina il 31/8/2013 alle 9:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     luglio        dicembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
quarta § libri, libri, libri
nota del giorno • musica, maestro!
heart and cash # l'anima dell' economia
le pizze ÷ shh, inizia il film...
la mia amica idrocefala ® la televisione
B&B @ blog e bloggers
uomini e donne: istruzioni per (i)l' (dis)uso
clik clak: isobel reporter

VAI A VEDERE

ciò che ti pare
e piace


 













-----------------------------------------------------------------------
Statistiche

CERCA